Primi fenomeni di instabilità atmosferica

Buonasera a tutti,

Come prospettato nell'ultimo approfondimento, negli ultimi giorni non si è visto alcun cambiamento rilevante delle condizioni meteorologiche: assenza di precipitazioni, basso tasso di umidità e venti secchi da levante hanno continuato ad aggravare gli effetti dell'enorme deficit pluviometrico che caratterizza questi primi mesi del 2020. 

Tuttavia pare che adesso si vada verso una modifica importante della circolazione atmosferica su scala europea: il blocco anticiclonico che per oltre un mese ha impedito alle correnti atlantiche di raggiungere le nostre regioni verrà progressivamente smantellato dal flusso oceanico che tornerà a scorrere sulle latitudini centrali dell'Europa. Non è ancora chiaro se questo mutamento riuscirà a portare piogge davvero diffuse e consistenti sul Triveneto, ma già a partire da domani non avremo più a che fare con le condizioni di assoluta stabilità che abbiamo visto finora. Correnti umide dai quadranti nord-occidentali inizieranno infatti ad innescare lo sviluppo di nubi convettive sui rilievi che è tipico di questo periodo dell'anno, con rovesci e temporali da locali a sparsi che da domani sera a domenica inizieranno a bagnare qua e là le zone montane. Non si escludono sconfinamenti verso le pianure del Friuli e dell'Alto Veneto, ma si tratterà in ogni caso di fenomeni di modesta entità. 

Le correnti in quota ruoteranno gradualmente dai quadranti sud-occidentali nella giornata di lunedì quando permarranno condizioni di instabilità con cumuli e cumulonembi ad evoluzione diurna sui monti associati a rovesci temporaleschi più probabili nelle ore pomeridiane, ma anche in questo caso non si tratterà di precipitazioni diffuse e consistenti e molti settori di pianura resteranno a bocca asciutta. Per avere fenomeni estesi ed organizzati dovremo probabilmente attendere il transito di una saccatura atlantica tra martedì e mercoledì, anche se ci sono ancora incertezze sull'entità di questo sistema perturbato. A tal proposito, questa è una carta sinottica del modello americano GFS che delinea per martedì l'approssimarsi della saccatura e la risalita di venti umidi da SW prima della perturbazione ad essa associata: 

Per quanto riguarda le temperature non sono attese variazioni significative, salvo un aumento dei valori minimi e un generale calo delle massime a cause della crescente presenza di nubi.

Buona serata.

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci