Nuova irruzione fredda da lunedì

Buonasera a tutti,

Questa settimana abbiamo sperimentato un colpo di coda invernale a causa di un afflusso di aria fredda dall'Europa Orientale che ha portato gelate diffuse anche nelle zone di pianura. Nelle ultime ore le temperatura si sono bruscamente riportate su valori primaverili, ma un nuovo sbalzo termico ci attende. In queste ore infatti una massa di aria molto fredda proveniente dall'Artide si sta spingendo dalla Scandinavia verso l'Europa Centrale. Tra domani e lunedì l'aria artica inizierà ad appoggiarsi sul versante settentrionale delle Alpi, per poi dilagare verso la Slovenia e irrompere dalla porta della Bora dalla serata di lunedì. Responsabile di questo nuovo colpo di coda invernale è un possente blocco anticiclonico posizionato sul Nordatlantico che attiva una colata fredda sul suo bordo orientale, come si nota in questa carta sinottica di previsione per lunedì 30 marzo: 

Sarà un'irruzione leggermente meno intensa di quella dei giorni scorsi in termini durata e di effetti sulle temperature, ma comunque rilevante per questo periodo dell'anno. A livello di fenomeni invece la posizione più occidentale della colata riserverà maggiori precipitazioni, almeno nella prima fase. Già domani il tempo tenderà a peggiorare con nuvolosità in aumento e prime piogge e rovesci sulle zone montane. Le precipitazioni si faranno diffuse dalla serata sulle Alpi con quota neve in abbassamento fin sotto i 1000m nella nottata, fenomeni che insisteranno ad intermittenza anche nella giornata di lunedì, estendendosi in parte anche alle zone di pianura, dove comunque gli accumuli saranno modesti (in prevalenza inferiori a 10mm, escludendo le pedemontane, scarsi o nulli sulle coste). Tra la serata e la notte, con l'ingresso deciso dell'aria artica, alle residue precipitazioni si assoceranno nevicate in abbassamento fino a quote collinari probabilmente, specie nella zona montana tra Veneto e Trentino. Seguirà un miglioramento nella giornata di martedì, con esaurimento dei fenomeni, tendenza a schiarite e clima nuovamente freddo per il periodo. Nelle due notti seguenti sembra probabile il ritorno di gelate nelle vallate di bassa quota e in alcuni settori della pianura. 

I modelli matematici sembrano poi propendere per una fase di bel tempo con temperature in progressivo aumento a partire dalla metà della settimana prossima, una svolta che potrebbe condurci verso la definitiva affermazione della primavera.

Buona serata e buona domenica.

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci