Fase asciutta con inversioni termiche

Buonasera a tutti!

Due giorni fa si è concluso un mese di novembre mite, ma soprattutto molto piovoso: si segnalano gli oltre 1000mm di pioggia totalizzati in alcune località montane del Friuli, gli oltre 500mm delle Dolomiti Meridionali e le punte di 300-500mm registrate in pianura tra Veneto Orientale e Friuli. Molti sono stati i record di piovosità battuti nel Friuli Venezia Giulia e più localmente nelle zone montane del Veneto e del Trentino.

Tuttavia, come si può intuire leggendo il titolo, siamo giunti ad un punto di svolta: si interrompe la lunga sequenza di perturbazioni inserite nel flusso meridionale che ha dominato la scena negli ultimi 30 giorni e si impone un'area di alta pressione destinata ad estendersi sull'Europa Meridionale da ovest verso est, come si può notare in questa carta sinottica di previsione per giovedì 5 dicembre: 

Nella mappa è stata evidenziata anche una lacuna barica che insiste sul Mediterraneo Occidentale, residuo della saccatura che tra ieri e oggi ha portato un po' di pioggia nelle nostre regioni. Ebbene, questa piccola circolazione depressionaria non dovrebbe tornare a guastare il tempo nelle nostre regioni. Avremo quindi una lunga fase di bel tempo destinata probabilmente a durare fino all'inizio della prossima settimana, con l'insidia delle nebbie che torneranno a formarsi nelle pianure e in alcune vallate, complice il regime di inversione termica destinato ad instaurarsi nei prossimi giorni.

Proprio per quanto riguarda le inversioni, oltre al fatto che siamo nel periodo dell'anno in cui, per motivi di inclinazione dei raggi solari, i bassi strati si raffreddano più facilmente, va sottolineato l'ingresso di aria moderatamente fredda da est atteso tra stasera e domattina, una massa d'aria destinata a sedimentarsi nelle pianure e nelle valli, mentre le alte quote assisteranno ad un successivo rapido addolcimento termico legato all'anticiclone delle Azzorre. Le inversioni quindi saranno marcate, con brinate diffuse nelle pianure e soprattutto in alcune vallate alpine soggette a scarso ricambio d'aria dove nei settori ombrosi non si esclude la persistenza di brina e galaverna anche nelle ore diurne con il passare dei giorni.

Buona serata.

 

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci