Caldo anomalo con tratti di instabilità

Buonasera a tutti,

La prima metà di agosto è stata caratterizzata da diversi eventi temporaleschi, localmente intensi. Tuttavia nel complesso le temperature si sono mantenute su valori leggermente superiori alla media, confermando questa come una delle estati più calde mai registrate: è probabile che in molte zone del Triveneto la stagione estiva chiuda al secondo posto tra le più calde, seconda solo alla famigerata estate 2003. A contribuire a questo notevole risultato sarà anche una terza decade di agosto molto calda, contrariamente al declino che solitamente la stagione inizia a mostrare dopo Ferragosto. Lo si nota bene negli "spaghi" dell'ultima emissione del modello americano GFS: 

Il grafico è affidabile solo nella metà sinistra, in quanto andando verso destra si entra in un orizzonte temporale di lungo periodo dove la previsione diventa sempre più incerta (lo si nota dal divaricarsi degli spaghi). La linea rossa e grossa indica la media trentennale delle temperature alla superficie isobarica di 850hpa (1200m circa), che in questo periodo dell'anno dovrebbero attestarsi poco sotto i 15°C, tendendo a calare con il passare dei giorni. Le varie perturbazioni del modello invece predicono con certezza persistenti anomalie positive fin quasi a fine mese con isoterme stabilmente superiori a 15°C alla suddetta quota. 

Alla base del riquadro si notano altre linee che formano dei picchi: si tratta delle precipitazioni previste. Malgrado il caldo anomalo avremo infatti condizioni di instabilità abbastanza vivace e persistente specie sui rilievi, stante una modesta lacuna barica sul Mediterraneo Centrale. I temporali inizieranno a farsi sentire nella giornata di domani sulle zone interne delle Alpi, lambite da un fronte in transito sull'Europa Centrale, poi si ripresenteranno in forma sparsa e disorganizzata nel pomeriggio e nella serata dei giorni seguenti sulle zone montane, con possibili sconfinamenti in qualche settore di pianura, più probabili nelle zone interne, quindi lontano dalle coste.

Tale situazione dovrebbe persistere almeno fino all'inizio della prossima settimana e ancora non è possibile individuare un cambiamento deciso.

Buona serata

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci