Flusso atlantico con nuove perturbazioni in arrivo

Buongiorno a tutti!

In questa prima decade di maggio una estesa massa d'aria artica sta condizionando il tempo su una buona fetta del nostro continente. Dopo aver colpito in pieno le nostre regioni, con nevicate a quote a dir poco insolite per il periodo (fino a 250-300m nel Feltrino), il fulcro di questa anomalia si è spostato verso l'Europa nord-occidentale, mentre correnti umide ma meno fredde dai quadranti occidentali affluiscono verso l'Europa meridionale. A questi venti umidi si associano dei corpi nuvolosi che limiteranno il soleggiamento e porteranno precipitazioni a tratti per il resto di questa settimana.

Una prima perturbazione sta arrivando in queste ore e porterà piogge da ovest verso est a partire dal tardo pomeriggio, esaurendosi poi tra la tarda notte e la mattinata di domani. La quota neve si attesterà intorno a 1700-1900m. Come detto, le piogge diffuse cesseranno a partire da ovest entro la mattinata di domani, lasciando il posto a schiarite e allo sviluppo di cumuli associati a possibili rovesci o locali temporali pomeridiani a ridosso dei rilievi, fenomeni di instabilità che dovrebbero riproporsi nel pomeriggio di venerdì. Stante la presenza di venti di libeccio, in questa prima fase i fenomeni più consistenti si concentreranno in prossimità dell'area prealpina friulana, con particolare riferimento alle Alpi Giulie, dove massimo è l'effetto di sbarramento dei venti da SW, come si può notare in questa stima degli accumuli totali entro la notte tra venerdì e sabato fatta dal nostro modello locale: 

La giornata di sabato vedrà una tendenza al peggioramento, per l'approssimarsi di un fronte freddo che nella notte tra sabato e domenica dovrebbe portare piogge temporaneamente estese ed intense con possibili temporali, nonché un deciso rinforzo del vento dai quadranti settentrionali. Il tempo dovrebbe migliorare in modo deciso nella giornata di domenica a partire dalle zone nord-occidentali del Triveneto e proprio la giornata di domenica potrebbe segnare l'inizio di una fase asciutta, per il prevalere di un flusso di aria secca da nord. 

Le temperature seguiteranno a mantenersi su valori inferiori alla media del periodo.

Buona giornata!