L'Inverno vuol fare la voce grossa: possibili neve e gelo

Ben ritrovati,

dopo il periodo di alta pressione che ha portato un tempo assai mite in montagna, ma grigio, fresco e molto umido in pianura, dal giorno di Natale sembra proprio che si cambi registro: infatti l'anticiclone delle Azzorre che finora ci ha protetto dalle perturbazioni dovrà ritirarsi verso la penisola iberica e in Atlantico lasciando le nostre regioni sotto il tiro di correnti fredde settentrionali.

Una prima saccatura il giorno di Natale si muoverà dal'Europa settentrionale verso le nostre regioni: il minimo sottovento che si formerà sul nord Italia scivolerà velocemente verso sud, provocando al più locali rovesci e qualche spolverata di neve attorno a 800/1000m circa, ma la depressione fungerà da calamita per aria molto fredda in arrivo dai paesi baltici che giungerà sulle nostre regioni nella giornata di Santo Stefano, quando assisteremo anche ad un miglioramento del tempo e ad una temporanea rimonta pressoria. Dalle isole britanniche però una nuova depressione muoverà verso il nord Italia scivolando sul bordo orientale dell'alta pressione della Azzorre che nel frattempo si sarà spinta verso nord.

Il giorno 27 correnti più umide atlantiche inizieranno a giungere sul nostro territorio e scivoleranno sull'aria fredda arrivata il giorno precedente, sarà possibile la formazione di un minimo depressionario che dal mar Ligure si muoverà verso l'Adriatico settentrionale/centrale; le precipitazioni in arrivo potrebbero essere nevose a quote molto basse, anche in pianura, specie nelle zone interne e lontane dal mare; ad oggi non è possibile stimare esattamente la quantità di precipitazione e l'altezza dello 0° termico, ma pare reale, stando alle carte attuali, la possibilità di accumuli nevosi di qualche cm su aree collinari e alte pianure.

Mappa GFS Ensembles per la notte tra sabato 27 e domenica 28

Domenica residui fenomeni in esaurimento e tempo in miglioramento, ma sarà possibile l'arrivo di intense correnti di aria gelida provenienti dalle steppe russe e siberiane (Buran).

E' doveroso sottolineare che la previsione qui riportata necessita di conferme man mano che gli eventi si avvicinano, Vi invitiamo quindi a seguire tutti gli aggiornamenti previsionali su www.elmeteo.it e gli approfondimenti su www.nordestmeteo.it 

Grazie dell'attenzione

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci