Breve tregua, in attesa di una nuova perturbazione

Buonasera a tutti! 

Dopo un lungo periodo caratterizzato dal maltempo, nella giornata di oggi le piogge hanno concesso una tregua grazie all'avvicinamento di un promontorio anticiclonico mobile che garantirà tempo stabile anche nella giornata di domani con probabili ampie schiarite. Non è esclusa la formazione di nubi basse o nebbie in pianura e nelle valli, anche se tale rischio appare limitato grazie alla presenza di correnti secche orientali nei bassi strati. 

Nella giornata di sabato 15 novembre invece un veloce ma intenso fronte atlantico attraverserà le nostre regioni da ovest a est, sospinto da una vasta saccatura atlantica visibile in questa mappa di previsione rielaborata per le ore centrali della giornata:

Come accennato, si tratterà di un episodio di maltempo intenso ma breve, con piogge che raggiungeranno il Veneto Occidentale e il Trentino Alto Adige in tarda mattinata, estendendosi entro il pomeriggio a tutto il Triveneto e assumendo carattere di forte intensità in prossimità della fascia prealpina, dove si potranno registrare accumuli di 50-70mm in meno di 12 ore, con punte intorno a 100mm sulle Alpi Giulie. In serata i fenomeni tenderanno ad esaurirsi a partire dalle zone occidentali del Veneto, mentre persisteranno fino a tarda notte sul Friuli orientale e la Venezia Giulia. Nuove intense nevicate interesseranno i rilievi alpini oltre 2000-2300m. La rapidità di questa perturbazione dovrebbe scongiurare rischi alluvionali, anche se l'elevata intensità delle piogge, in presenza di suoli già saturi, potrebbe comportare il rischio di smottamenti.

Tra domenica e lunedì la persistenza di correnti dai quadranti sud-occidentali pilotate da una depressione posizionata sull'Europa nord-occidentale determinerà ulteriori piogge sparse, più probabili e intense sul Friuli Venezia Giulia. L'ingresso di aria fresca in quota potrebbe dare origine a fenomeni di tipo convettivo (nubi a sviluppo verticale associate a rovesci o temporali sparsi), specie in prossimità delle coste. Non è al momento chiara l'entità di queste ulteriori piogge, anche se molto probabilmente saranno più deboli rispetto a quelle di sabato. La quota neve dovrebbe calare fin verso i 1500m, in particolare sulle aree alpine interne, mentre le nevicate più significative sono attese sulle Alpi Giulie. 

Per quanto riguarda i giorni successivi, i modelli matematici indicano un probabile miglioramento duraturo grazie all'arrivo dell'alta pressione sul Mediterraneo che dovrebbe porre fine definitivamente alla fase piovosa che ha dominato la prima metà di novembre.

Le temperature, nettamente superiori alla media del periodo fino a sabato, subiranno un calo nei giorni seguenti, portandosi su valori prossimi alla norma.

Grazie per l'attenzione e buona serata!

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci