Maltempo ad oltranza

Buonasera a tutti! Dopo un finale di ottobre soleggiato, nei giorni scorsi sono arrivate le grandi piogge autunnali portate da umidi venti d scirocco. Le zone montane del Triveneto hanno ricevuto apporti pluviometrici ragguardevoli con punte di 400-700mm in alcune località dell'area meridionale della provincia di Belluno e dell'area montana pordenonese. Ma non è finita qui. Le attuali emissioni modellistiche indicano infatti la reiterazione di affondi depressionari diretti verso il Mediterraneo Occidentale, che verranno rallentati nel loro naturale movimento verso est da un blocco anticiclonico sull'Europa Orientale e i Balcani, sottoponendo le nostre regioni a umidi e persistenti flussi dai quadranti meridionali, come si può notare in questa mappa di previsione rielaborata per martedìì 11 novembre: Passando ai dettagli previsionali, fino alle ore centrali di domenica 9 novembre risentiremo ancora dei residui effetti del peggioramento dei giorni scorsi, con piogge che insisteranno sul Friuli Venezia Giulia, dove gli accumuli potrebbero ancora essere importanti nella giornata di domani, e sulle aree orientali e settentrionali del Veneto. Nella seconda parte della giornata di domenica ci sarà una temporanea cessazione dei fenomeni con possibili schiarite, in attesa di un nuove deciso peggioramento che da lunedì, e almeno fino a mercoledì prossimo, riporterà piogge diffuse sul Nordest. Al momento non è chiara l'entità del peggioramento, anche se, stante la presenza di umide correnti meridionali, si può ipotizzare che i fenomeni più intensi interesseranno ancora una volta la fascia prealpina e le aree ad essa limitrofe, zone soggette a sollevamento orografico con questo tipo di correnti, con accumuli che molto probabilmente supereranno la soglia dei 100mm entro mercoledì. In presenza di un suolo già saturo a causa delle piogge dei giorni scorsi, saranno possibili fenomeni dissesto idrogeologico. Le temperature si manterranno sui valori nettamente superiori alla norma con il livello dello zero termico che si oscillerà tra i 2000 e i 2500m. Oltre queste quote sono attesi ulteriori importanti apporti nevosi. Grazie per l'attenzione e buona serata!

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci