Settimana nuvolosa con scarsi fenomeni

Buongiorno a tutti! 

Negli ultimi giorni il tempo è risultato soleggiato e mite grazie a deboli correnti secche dai quadranti orientali, in un contesto anticiclonico.

In queste ore una vasta depressione si sta posizionando in prossimità delle Isole Britanniche. Da essa una saccatura si allungherà verso la Penisola Iberica e, in risposta a questo affondo depressionario, sul Mediterraneo Centrale e i Balcani vi sarà una rimonta anticiclonica di matrice subtropicale. Tra queste due figure bariche si svilupperà un flusso di aria mite e umida dai quadranti sud-occidentali che lambirà le nostre regioni per buona parte della settimana appena iniziata, secondo lo schema riassunto in questa mappa di previsione rielaborata relativa a giovedì 9 ottobre 2014 (la linea blu delimita la depressione atlantica, la linea rossa l'anticiclone subtropicale, la freccia nera infine rappresenta il flusso da SW tra le due figure bariche):

L'afflusso di questa massa d'aria umida e mite determinerà la formazione di nuvolosità in prevalenza medio-bassa, anche se non mancherà qualche schiarita più probabile in prossimità della costa e nelle aree alpine interne, e un aumento del tasso di umidità con conseguente formazione di foschia. Inoltre non si escludono deboli fenomeni, più probabili tra la sera di martedì e la mattina di mercoledì sul Veneto Occidentale, il Basso Trentino e le Prealpi Giulie, ma non esclusi anche nei giorni seguenti e nelle rimanenti aree del Triveneto. Per quanto riguarda le temperature, si assisterà ad un sensibile rialzo termico in quota con il livello dello zero termico che andrà ad attestarsi oltre i 3500m nella seconda metà della settimana e valori superiori alla norma del periodo di oltre 5°C, mentre alle basse quote l'aumento della temperatura sarà più contenuto a causa della nuvolosità e riguarderà soprattutto le temperature minime. 

Le attuali emissioni modellistiche lasciano ipotizzare lo sblocco della situazione con l'arrivo della saccatura dalla Penisola Iberica tra domenica e lunedì con conseguente peggioramento, tuttavia l'evoluzione rimane molto incerta e non è escluso che la saccatura rimanga invece bloccata ad ovest dall'anticiclone presente sul Mediterraneo.

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci