Caldo intenso e persistente

Buonasera a tutti!

Si sta per concludere un mese di luglio per molti aspetti consono ai canoni climatici degli ultimi anni. Le anomalie termiche rispetto alle medie recenti sono infatti minime nel Triveneto, anche se va detto che queste medie recenti (ultimi 20 anni circa) sono più alte rispetto a quelle del passato, a causa del cambiamento climatico che nelle nostre regioni ha avuto un impatto particolarmente rilevante sulla stagione estiva. Dal punto di vista pluviometrico la situazione è, come sempre accade nei mesi estivi, molto variegata, stante l'irregolare distribuzione degli accumuli portati dai temporali. Tuttavia non si notano anomalie particolarmente pesanti ed estese.

Questa situazione, che si potrebbe definire normale, sta per finire: una intensa ondata di calore, dovuta all'espansione dell'anticiclone subtropicale africano, sta per colpire il bacino del Mediterraneo, l'Italia intera, la Mitteleuropa e i Balcani. Le attuali indicazioni modellistiche fanno pensare ad un evento particolarmente severo, tanto che le temperature da martedì in poi potrebbero raggiungere picchi massimi prossimi a 40°C, specie nel Basso Veneto. Al momento non si vede una via di uscita credibile da questa situazione. Solo le zone alpine vedranno la formazione di locali temporali pomeridiani e serali, talora rinvigoriti dalla coda di alcuni sistemi frontali atlantici in moto sull'Europa Centrale, come accadrà probabilmente nel pomeriggio di mercoledì 2 agosto. 

Per finire, ecco una carta di previsione relativa a martedì 1 agosto che mostra l'avvio dell'ondata di caldo, ben evidente dalle masse di aria molto calda in risalita dal Maghreb. Si nota una estesa area interessata da temperature superiori a 20°C alla superficie isobarica 850hpa (1200m circa), valori tipici delle ondate di caldo più intense.Buona serata e buona settimana!

 

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci