Peggioramento tra domenica e lunedì

Buonasera a tutti!

Dopo i temporali della settimana scorsa, da domenica il tempo è risultato prevalentemente soleggiato, soprattutto in pianura, con temperature leggermente inferiori alle medie del periodo. Nella giornata di ieri tuttavia una goccia fredda in quota centrata in prossimità della Germania ha prodotto rovesci sui rilievi del Bellunese e del Trentino Alto Adige, nevosi oltre 2000-2200m e localmente consistenti (accumulati 20-30cm sopra i 2500m sulle Dolomiti dell'alto Bellunese).

Tra oggi e domani il tempo risulta stabile e in prevalenza soleggiato per un promontorio anticiclonico mobile, in attesa che una saccatura di origine atlantica porti un netto guasto del tempo tra domenica e lunedì. Ecco una mappa di previsione per le ore centrali di lunedì in cui è evidenziata in nero la posizione del sistema frontale atlantico:

Nello specifico, nella giornata di domenica si assisterà un deciso aumento della nuvolosità a partire da ovest. Già nel pomeriggio sono previste le prime piogge in moto da SW verso NE su Veneto occidentale, Trentino Alto Adige e aree montane e pedemontane. Nella notte seguente il tempo dovrebbe peggiorare diffusamente con precipitazioni a tratti diffuse che poi, tra la mattinata e il pomeriggio di lunedì, potrebbero risultare anche intense sulle Prealpi Carniche, le Alpi Giulie e le relative pedemontane (probabili accumuli superiori a 100mm in molte località). Altrove i fenomeni saranno complessivamente meno intensi, ma non si escludono nubifragi sulle pianure tra il Veneto Orientale e il Friuli Venezia Giulia. La previsione comunque ha dei margini di incertezza, anche se l'impianto generale del peggioramento dovrebbe essere confermato dalle prossime emissioni modellistiche.

Volgendo lo sguardo ad ovest nella mappa di previsione, si nota la presenza di una linea blu con frecce che puntano verso i mari al largo del Portogallo. Queste stanno ad indicare la tendenza per i giorni seguenti, quando un affondo perturbato prenderà una direzione più occidentale rispetto al precedente determinando condizioni di maltempo tra Penisola Iberica e Francia, ma innescando in risposta una decisa rimonta anticiclonica di matrice subtropicale tra l'Italia meridionale e i Balcani, dove tornerà il caldo estivo. Le nostre regioni si troveranno invece tra queste due figure bariche e non è ancora chiaro quale delle due avrà maggiore influenza. In ogni caso si profila un flusso di aria calda dai quadranti sud-occidentali, più secca e quindi portatrice di bel tempo se dovesse prevalere l'anticiclone, più umida e foriera di nubi ed eventualmente di qualche pioggia se dovesse prevalere la saccatura depressionaria. Le temperature si porteranno su valori superiori alla norma dapprima sui rilievi dove il rialzo termico è già in atto, poi anche nei bassi strati.

Buona serata e buon fine settimana!

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci