Instabilità e fine del grande caldo

Buonasera a tutti!

L'ondata di calore che ha caratterizzato buona parte della prima metà di agosto è giunta al capolinea. La nuvolosità che in queste ore sta solcando i nostri cieli è il segnale dell'ingresso di correnti umide meridionali pilotate da una vasta saccatura che si sta approssimando alle nostre regioni da ovest. Ecco quest'ansa depressionaria vista in una mappa di previsione rielaborata relativa alle ore centrali di domani, Ferragosto:

Come si può notare, il Triveneto verrà interessato da un persistente flusso di aria umida dai quadranti meridionali in quota. Si tratterà di correnti via via più fresche e a tratti instabili. Tuttavia non assisteremo al transito di un fronte freddo associato ad un repentino calo termico e a temporali diffusi, bensì ad un progressivo calo delle temperature, che entro domenica si porteranno su valori prossimi alla norma o leggermente inferiori ad essa, e a nuvolosità variabile con temporali sparsi, la cui localizzazione geografica e temporali appare di difficile previsione. In ogni caso, la probabilità di temporali sarà maggiore sulle Alpi e sulle aree interne delle pianure, mentre si possono individuare due fasi più instabili. La prima riguarda la notte prossima: già ora qualche rovescio e locali temporali stanno interessando il Veneto Occidentale e il Trentino Alto Adige, ma nelle prossime ore ci sarà un'estensione dei fenomeni, che non saranno diffusi, verso est. La seconda fase instabile, probabilmente più significativa, dovrebbe verificarsi tra il pomeriggio di domani e la giornata di domenica, quando le correnti in quota tenderanno a ruotare dai quadranti sud-orientali e ad assumere una più decisa rotazione ciclonica. Nella seconda parte della giornata di domani i temporali saranno più probabili tra Veneto e Trentino Alto Adige, mentre dalle ore centrali di domenica dovrebbero concentrarsi sul Friuli Venezia Giulia.

Nella giornata di lunedì l'instabilità dovrebbe persistere sulle Alpi e il Friuli, mentre tra il pomeriggio di martedì e la giornata di mercoledì sembra profilarsi un peggioramento più organizzato.

Data la notevole incertezza della previsione, aggiornamenti sull'evoluzione del tempo verranno aggiunti qui sotto nei prossimi giorni.

Buona serata e buon Ferragosto!

Aggiornamento del 16 agosto, ore 12.30:

Finora questa fase di instabilità ha portato fenomeni significativi solo sulle aree montane, buona parte del Veneziano, alcuni settori del Trevigiano e gran parte del Friuli Venezia Giulia. Nello specifico, nella notte tra venerdì e sabato temporali hanno interessato dapprima il Trentino Alto Adige e le Dolomiti, in seguito il Veneziano e buona parte del Friuli Venezia Giulia. Nella serata di ieri una cella temporalesca proveniente dalla Romagna ha colpito alcuni settori di Veneziano, Trevigiano e Bellunese, seguita in nottata da altri temporali che hanno attraversato il Friuli Venezia Giulia da sud a nord.

Nella giornata di oggi invece finora è presente una nuvolosità in prevalenza stratificata, con fenomeni locali e poco significativi sulle Prealpi Venete, sui rilievi del Pordenonese e nel Basso Veneto. Celle temporalesche attive sull'Istria stanno lambendo il Triestino. Tuttavia in generale non si notano fenomeni diffusi o intensi in avvicinamento alle nostre regioni.

Tuttavia nelle prossime ore appare probabile un ulteriore aumento della nuvolosità a partire da SE con arrivo di qualche preciptazione sparsa, si tratterà di fenomeni in  prevalenza deboli e più probabili ancora una volta sulle zone orientali del Triveneto. 

Ulteriori eventuali aggiornamenti saranno aggiunti qui sotto.

Aggiornamento del 16 agosto, ore 14.45:

Mentre in pianura e sulle pedemontane il cielo si mantiene nuvoloso con fenomeni scarsi o del tutto assenti, in prossimità della fascia prealpina si stanno generando rovesci e qualche temporale dovuti al sollevamento orografico delle correnti sud-orientali. Si segnala in particolare la presenza di una cella temporalesca autorigenerante a nord di Vittorio Veneto, tra il Fadalto e il Lago di Santa Croce. La continua genesi di forti rovesci sulla stessa zona potrebbe determinare accumuli pluviometrici localmente ingenti nelle suddette località.

 Aggiornamento del 16 agosto, ore 21:

Il cielo si presenta nuvoloso o coperto su buona parte del nostro territorio, mentre residui rovesci insistono lungo la costa veneta. Fino a domattina saranno ancora possibili deboli piogge sul Friuli Venezia Giulia, il Veneto Orientale e le Dolomiti, mentre il tempo risulterà asciutto altrove, con tendenza a schiarite in mattinata. Nel pomeriggio sviluppo di cumuli con possibili rovesci sparsi sulle zone montane, in possibile estensione locale alle pedemontane. Nella giornata di martedì tempo in prevalenza soleggiato in pianura, più instabile sui monti con rovesci pomeridiani. Dalla sera possibili temporali anche sulle pianure, per l'approssimarsi da ovest di una piccola depressione in quota che mercoledì dovrebbe portare rovesci e temporali su tutto il Triveneto. Deciso miglioramento nei giorni successivi per correnti secche dai quadranti nord-occidentali.

Buona serata a tutti!

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci