Caldo in attenuazione e qualche temporale

Buonasera a tutti!

In questi ultimi giorni abbiamo sperimentato il picco di una ondata di calore che si è rivelata eccezionale sia per durata, sia per intensità e localmente anche per le punte massime raggiunte. In molte zone del Triveneto il perdurare di condizioni di caldo anomalo, interrotto solo dal fronte temporalesco dell'8 luglio, dovrebbe far sì che questo risulti il più caldo mese di luglio mai registrato e in alcune zone persino il mese più caldo delle serie storiche (finora questo primato apparteneva all'agosto del 2003).

Nei prossimi giorni tuttavia assisteremo ad un'attenuazione del caldo con episodi di instabilità che non riguarderanno più solamente i rilievi, ma anche le aree di pianura.

Nella giornata di domani, venerdì 24 luglio, una vivace instabilità termoconvettiva interesserà i rilievi con temporali in formazione dalla tarda mattinata. Nelle ore pomeridiane e serali qualche cella temporalesca dovrebbe svilupparsi anche sulle aree interne della pianura. Molto probabilmente, vista la presenza di correnti molto deboli, si tratterà di temporali quasi stazionari che si dissolveranno nella stessa area in cui sono nati. Ne risulteranno accumuli pluviometrici molto irregolari con molte località destinate a rimanere a secco. Questa instabilità avrà il merito di far calare le temperature, che tuttavia nel primo pomeriggio dovrebbero toccare ancora una volta punte di oltre 35°C sulle pianure interne.

Nella giornata di sabato appare maggiore la probabilità di fenomeni temporaleschi organizzati. La previsione è incerta ma sembra che in mattinata i fenomeni siano più probabili sulle aree montane e pedemontane, mentre tra il pomeriggio e la notte seguente una linea temporalesca dovrebbe prendere le mosse dai rilievi alpini investendo la pianura friulana e forse anche parte del Veneto. In questo caso sono possibili fenomeni di forte intensità (forti raffiche di vento e grandinate). Proprio nella notte tra sabato e domenica farà il suo ingresso aria relativamente fresca che porterà le temperature su valori vicini allo norma del periodo nella giornata di domenica, quando, dopo una residua possibilità di temporali nelle prime ore su pianure e coste, il tempo tenderà a migliorare ovunque. 

Ad inizio settimana l'ennesima ondata di calore prenderà le mosse dal Maghreb puntando verso l'Italia centro-meridionale e i Balcani, come si può notare in questa carta di previsione rielaborata per mercoledì 28 luglio: 

L'anticiclone africano è delimitato dalla linea nera, mentre la linea blu indica le correnti fresche atlantiche in movimento sull'Europa Centrale. Come si può notare le nostre regioni si trovano nell'area di confine tra queste due configurazioni e questo fatto rende incerta la previsione. Tuttavia dagli ultimi aggiornamenti sembra prevalere maggiormente l'azione dell'anticiclone subtropicale ed è quindi probabile che le temperature tornino su valori nettamente superiori alle medie, non raggiungendo tuttavia i livelli estremi degli ultimi giorni. Un eventuale abbassamento del flusso atlantico potrebbe invece creare le condizioni per fenomeni temporaleschi anche intensi.

Buona serata!

 

Login

Il modulo login serve ai nostri Editori per loggarsi e scrivere gli articoli. Vuoi diventare un nostro Editore? Contattaci